CASI CLINICI

FACCETTE

CASI CLINICI
ESEMPIO CASO CLINICO
Età: anni 52
Sesso: F
Diagnosi: Discromia degli elementi dentari del gruppo frontale, presenza di antiestetiche ricostruzioni in composito con frattura dell’angolo incisale.
La paziente è insoddisfatta dell’estetica del proprio sorriso.
foto 1 e 2 Prima del trattamento estetico
foto 3 e 4 Dopo il trattamento estetico - Faccette in ceramica integrale

IMPIANTI

ESEMPIO CASO CLINICO
Età: anni 55
Sesso: F
Diagnosi: La paziente manifestava dolore spontaneo muscolare alla masticazione associato a cefalee ricorrenti in seguito ad un trattamento implantoprotesico incongruo dal punto di vista dei contatti e dei carichi occlusali.
Grazie alla valutazione computerizzata dell’occlusione è stato costruito un bite gnatologico occlusale che ha ristabilito una occlusione bilanciata ed ha risolto la sintomatologia dolorosa.
foto 1: L’ortopantomografia della paziente mostra la riabilitazione protesica implantare
foto 2: L’analisi computerizzata dell’occlusione mostra un’asimmetria dei carichi masticatori causa della patologia dolorosa

SBIANCAMENTI

foto 1,2,3 PRIMA DEL TRATTAMENTO
foto 4,5,6 DOPO IL TRATTAMENTO

RIABILITAZIONI ESTETICHE

ESEMPIO CASO CLINICO
Giocatrice professionista di basket. (ex nazionale italiana)
Età: anni 28
Sesso: F
Diagnosi: L’atleta presentava una masticazione non corretta con dolore all’articolazione temporomandibolare e lamentava frequenti episodi di lombalgia che le impedivano di seguire un corretto piano di allenamento.
La sola terapia fisioterapica svolta nell’ambito della propria società sportiva riusciva solo temporaneamente a risolvere la sintomatologia dolorosa.
Il nostro approccio gnatoposturale in collaborazione con lo staff medico della società ha permesso di ridurre notevolmente la frequenza di insorgenza dei fenomeni di lombalgia e ha portato inoltre ad un incremento della prestazione (come dimostrato da un test isocinetico).
foto 3: Analisi posturale su scoliosometro
foto 4: Valutazione computerizzata dell’occlusione
foto 5 e 6: Test isocinetico per valutare il miglioramento della performance sportiva

Share by: